International Peace Festival a Capaci

Nella cornice del paese di Capaci (Palermo) si è svolto il 19 Maggio 2018 il “Festival Internazionale per la Pace”, una intera giornata dedicata a piantare il seme di una cultura dedicata a costruire pace ed armonia.

LEGGI TUTTO

II Diritto alla pace - Italia ponte di pace per un'Europa più forte e stabile

L'UPF e la WFWP hanno organizzato alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani, al Senato, su proposta del senatore Rampi, un convegno

LEGGI TUTTO

Trofeo della Pace – 30 Giugno 2019

Cinquanta giovani, divisi in quattro squadre, si sono affrontati a colpi di goal in un torneo di calcio interetnico, per una giornata all’insegna della competizione e dell’integrazione tra giovani residenti su uno stesso territorio ma appartenenti a nazionalità, culture e tradizioni diverse...

LEGGI TUTTO

Mediterraneo ponte di pace

Presso la sala "Santa Maria in Aquiro" del Senato italiano il 13 Novembre 2019 si è svolto il seminario sul tema: "Mediterraneo Ponte di Pace: Cooperazione e Sviluppo Sostenibile nell’area del Mare Nostrum”. Hanno partecipato: politici, leader religiosi, ambasciatori, docenti universitari e leader della società civile.

LEGGI TUTTO

Incontro IAPD

per la cultura di pace

“L’occasione che ci vede oggi riuniti è la celebrazione di due grandi e significative ricorrenze delle Nazioni Unite, la “Giornata mondiale della fratellanza umana” e la “Settimana mondiale dell’armonia tra le fedi”.

LEGGI TUTTO

Incontro inaugurale IAPD

Prima di tutto dobbiamo rispettare le tradizioni delle altre religioni e prevenire il conflitto e la discordia tra le fedi; secondo, far sì che tutte le comunità religiose cooperino nel servire il mondo..

LEGGI TUTTO

Programmi Futuri

Birmania e Tibet: quali diritti umani?

Birmania e Tibet: quali diritti umani? Era il titolo dell'incontro che si è tenuto martedì 27 maggio presso l'Urban Center a Monza, organizzato dalla UPF/IIFWP -Federazione Interreligiosa per la Pace nel Mondo- con la collaborazione di Amnesty International e il patrocinio del Comune, che ha visto tra i relatori  il dr. Zawmin, direttore dell'Office Euro-Burma a Bruxelles e referente per la Comunità Europea del governo birmano in esilio.



Sentire da viva voce certe cose di cui magari si è letto o visto in tv fa certamente un effetto diverso ed in un certo modo più coinvolgente. Se poi a parlare della tragedia del popolo birmano è una persona che l'ha vissuta sulla propria pelle come il dr. Zawmin non si può rimanere impassibili. Eppure l'attenzione dei mass media, passato l'effetto "trainante sui giornali" del ciclone Nargis che recentemente ha sconvolto il Paese, non c'è, non se ne parla quasi più.




I dati che fornisce il dr. Zawmin sulla Birmania sono terrificanti: al di là dei tanti morti, dovuti alla continua repressione della dittatura militare al potere dal golpe del 1990, che aveva reso vane le elezioni democratiche vinte dal partito della signora Aung San Suu Kyi, poi premio Nobel per la Pace e attualmente ancora agli arresti domiciliari, ci sono circa 700.000 persone, scappate dai soprusi dei militari, che vagano nella giungla birmana, mentre non si riesce proprio a tenere il conto dei detenuti per motivi politici, che riempiono all'inverosimile le 38 carceri della Birmania.

I rifugiati nei paesi confinanti come la Thailandia si stimano in circa 800.000, mentre la situazione per chi è rimasto è davvero drammatica, con oltre il 70% della popolazione che vive sotto la soglia della povertà.

La serata è stata indubbiamente positiva, con una buona partecipazione dei cittadini, che al termine hanno fatto molte domande al dr. Zawmin, dimostrando una notevole sensibilità verso certe tematiche e chiedendo cosa si può fare, come possiamo dare concretamente una mano.

Due idee realizzabili da subito ci sono: la prima riguarda la necessità di mantenere alta l'attenzione, il dr. Zawmin è convinto che la pressione internazionale verso la giunta militare possa produrre effetti positivi per il suo Paese, la seconda riguarda la nascita dell'associazione Italia-Birmania, anche in vista delle possibili e sperabili elezioni democratiche, promesse per il 2010.

Da Sin. a Destra. Il Sig. Sarasso Seg.Gen. dell'UPF, il Dr. Zawmin e il Sindaco di Sesto San Giovanni il Dr. Oldrini

 

Il dr. Zawmin, che tornerà presto in Italia, ci chiede di ringraziare pubblicamente il Sindaco Mariani e il Sindaco Oldrini e le rispettive Amministrazioni di Monza e Sesto San Giovanni che lo hanno accolto con molto "calore" in incontri significativi, aperti alla stampa, svoltesi nei Municipi delle due città, di cui alleghiamo un paio di foto.

Per la parte riguardante il Tibet parleremo naturalmente in un prossimo comunicato.

Carlo Chierico
Presidente IIFWP/UPF - Monza e Brianza

 

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.