Inaugurazione IAPP

Anche in Italia, presso la Camera dei Deputati, è stata presentata la IAPP, fondata il 15 febbraio 2016 a Seul da 150 Parlamentari provenienti da 41 nazioni diverse.

LEGGI TUTTO

International Peace Festival a Capaci

Nella cornice del paese di Capaci (Palermo) si è svolto il 19 Maggio 2018 il “Festival Internazionale per la Pace”, una intera giornata dedicata a piantare il seme di una cultura dedicata a costruire pace ed armonia.

LEGGI TUTTO

Seminario UPF e WFWP “Proposte educative e di formazione per i futuri cittadini del mondo”

Organizzata da UPF e WFWP in collaborazione con Associazione Internazionale dei Parlamentari per la Pace, EURISPES ed INPEF...

LEGGI TUTTO

Parlano di noi- Educazione alla Pace a Monza

"Costruire la pace ogni giorno, da Monza parte la sfida per un’umanità migliore" - Monza Brianza News

LEGGI TUTTO

Monza: Torneo della Pace 2017

Domenica 25 giugno lo stadio Sada di Monza ha ospitato le finali della dodicesima edizione del Trofeo della Pace, un torneo interetnico di calcio a 7

LEGGI TUTTO

Trofeo della Pace 2018

Il Trofeo della Pace, torneo interetnico di calcio a 7 giocatori si è tenuto domenica 24 giugno presso lo stadio Sada di Monza, alla presenza di un numeroso pubblico di tutte le età.

LEGGI TUTTO

Programmi Futuri

 

La Nuova Corea del Nord nuove prospettive di cambiamento

“E’ sempre un piacere poter allargare l’orizzonte e riflettere non soltanto su quello che sta accadendo in Europa e in Italia, ma anche su quello che accade in Oriente.

 2marzo2021 La pandemia ci ha mostrato quanto il legame con il mondo intero sia sempre più stretto, come siamo sempre più       interconnessi e sempre più vicini gli uni agli altri”. Con queste parole Katia Trinca Colonel, giornalista del “Corriere di   Como” e dell’Ansa ha aperto il confronto con Piergiorgio Pescali, giornalista, grande conoscitore del Sud e del Nord Est   Asiatico, sul suo libro “La nuova Corea del Nord: come Kim Jong-un sta cambiando il paese”.

 Più che per qualsiasi altro paese al mondo parlare della Corea del Nord richiede un atteggiamento preventivo: la   disponibilità ad aprire la mente e a mettere da parte pregiudizi e stereotipi, che da sempre avvolgono questo Paese. E’   quello che prova a fare l’autore in questo libro, scritto in Corea del Nord, un paese dove è stato molte volte dal 1996,   dove ha assistito al passaggio dei poteri della dinastia Kim e ha vissuto in prima persona i cambiamenti descritti.

 “Per conoscere la storia della Corea del Nord e della dinastia Kim bisogna rifarsi alla storia della Penisola coreana, alla   separazione che avviene alla fine della seconda guerra mondiale, quando Unione Sovietica e Stati Uniti si sono trovati a   gestire la decolonizzazione giapponese del paese”, spiega l’autore. Ricostruendo gli eventi storici fino alla Guerra di   Corea,  terminata con l’armistizio del luglio 1953, Pescali ricorda che ancora oggi a distanza di settant’anni “tra Corea del   Nord e Stati Uniti c’è ancora un atto di guerra ancora aperto” in quanto non si è mai pervenuti a un trattato di pace. Con   l’ausilio di una diapositiva il giornalista ha illustrato le successioni della dinastia Kim, che ha guidato la Corea del Nord dal   1948 con Kim Il-sung, dal 1994 con il figlio Kim Jong-il e dal 2011 con il nipote, l’attuale leader Kim Jong-un.

Alla richiesta dell’intervistatrice di spiegare la dottrina politica del “Songun”, che in coreano significa “Prima l’Esercito”, Pescali ha spiegato che sarebbe stato Kim Jong-il ad accentuare questa linea a favore dei militari, non solo per difendersi da possibili attacchi esterni, ma per consolidare il potere del partito e quello del suo gruppo famigliare. Per ottenere l’appoggio dei generali destinò finanziamenti a pioggia all’esercito. A pagare il prezzo di questa scelta improduttiva furono la popolazione, il sistema economico civile e l’efficienza stessa dell’apparato di difesa. “Kim Jong-un” ha spiegato l’autore “aveva intuito tutto questo ed è riuscito a sovvertire questa linea del Songun, che aveva indebolito il paese in modo allarmante”.

Quali sono allora i valori della Corea del Nord? Il giornalista ha puntualizzato che “il filo rosso che lega questi tre leader è l’ideologia “Juche” che esiste solo nella Corea del Nord. Nasce nel 1955 ed è formulata ufficialmente da Kim Il- sung per enfatizzare l’autonomia politica ed ideologica, l’autosufficienza nella difesa e l’indipendenza economica. Non mette enfasi sul “governo delle masse” tipico del marxismo-leninismo tradizionale, ma sul valore del leader illuminato, che tutto vede, dirige e crea l’unità del popolo coreano. E’ la stessa ideologia praticata anche dal figlio-successore Kim Jong-il e a tutt’oggi dal nipote Kim Jong-un.

Parlando dell’attuale leader nord coreano, il giornalista lo definisce “forse il politico più scaltro e intelligente oggi presente nello scacchiere Nord Orientale. Ha trascorso diversi anni in Svizzera, conosce come funziona il mondo al di fuori della Corea del Nord ed è riuscito con maestria ad allontanare i militari dalle leve del potere”. Oggi il paese è guidato da un’amministrazione tecnocrate e civile. La sua politica del “Byunjin”, (doppio binario), di aumentare cioè la potenza militare assieme alle riforme economiche, eliminando i finanziamenti a pioggia ai militari, è più funzionale alla strategia della deterrenza. Permette di disporre di maggiori risorse per lo sviluppo economico e produttivo, di avere più forza diplomatica e di godere di un maggiore consenso all’interno del paese. Le nuove università, anche private, preparano non solo economisti, esperti di management, ma anche ingegneri, agronomi e biologi. I profitti dell’industria vengono divisi anche tra i manager e nelle campagne si applica la divisione di buona parte del raccolto tra i membri delle cooperative. Ci sono ristoranti, bed and breakfast , hotel e bar a conduzione famigliare. Il settore immobiliare a Pyongyang è diventato fonte di grandi giri di affari. “La vivacità economica che Kim Jong-ul è riuscito a dare al paese lo ha rivitalizzato un po’ fino al 2019. Nel 2020 è arrivato il Covid e l’economia nord coreana ha subito un ridimensionamento”.

Sulla violazione dei diritti umani l’autore spiega “che è una delle piaghe principali, come in genere in tutti i Paesi asiatici, ma che le cose si stanno evolvendo. Già dall’inizio del 2000 con Kim Jong-un è stato riformato il codice penale. Solo il reo viene inviato nei campi di rieducazione e non più l’intera famiglia come avveniva in passato”. E’ ancora prevista la pena di morte. Pescali ha ricordato come gran parte dei leader asiatici contestano la Carta universale dei diritti umani, perché è una carta occidentale, dove è l’individuo ad essere importante, mentre in Asia è la società e come anche i Paesi Islamici abbiano una differente concezione dei diritti umani.

Riguardo alla percezione che abbiamo della Corea del Nord , per Pescali “c’è una gara al ribasso per quanto riguarda l’informazione su quel paese e non ci sono da anni validi inviati sul luogo. Adesso è meno complicato per i giornalisti entrare in Corea del Nord, ma le notizie, specialmente nei giornali italiani, vengono riprese da internet, anche da fonti poco credibili e spesso è solo un copia e incolla senza verifica. Molti inviati speciali ahinoi preferiscono descrivere gli stereotipi, perché è più semplice e attiri di più l’attenzione del lettore. Le fonti non vengono mai controllate, come i famosi 120 cani che avrebbero sbranato lo zio di Kim Jong-un, che non sono mai esistiti”.

Per quanto riguarda l’unificazione politica “nessuno ne ha mai parlato e non ci sarà per almeno una cinquantina d’anni. Non conviene né al Nord né a Sud perché c’è troppa disparità. Si parla di una federazione economica in modo da equilibrare le due economie”.

A conclusione dell’incontro Carlo Zonato, presidente della “Federazione Internazionale per la Pace” (UPF-Italia), organizzatrice dell’evento, insieme con l’ “Associazione internazionale dei media per la pace” (IMAP-Italia) un progetto UPF, ha ricordato come i coniugi Moon, fondatori dell’UPF, siano originari della Corea del Nord. Ha elencato tre loro importanti progetti: l’Autostrada della Pace, un’arteria internazionale che partendo dal Giappone, attraverserà tutta la Corea per collegare Cina e Russia e poi tutto il mondo; una zona di pace presso il 38esimo parallelo, con parchi, musei e una nuova sede ONU nella zona smilitarizzata. Ha ricordato l’incontro dei coniugi Moon con Kim Il-sung in Corea del Nord avvenuta nel dicembre del 1991 e il “Premio per la Riunificazione Nazionale”, la più alta onorificenza del Governo nord coreano, concessa alla memoria del Reverendo Moon in occasione della sua morte”.

 

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.