Mediterraneo ponte di pace

Venerdì, Novembre 15, 2019

“Mediterraneo ponte di pace” Cooperazione e Sviluppo Sostenibile nell’area del Mare Nostrum
Senato della Repubblica, Sala Santa Maria in Aquiro – 13 Novembre 2019

 fotogruppo

Presso la sala "Santa Maria in Aquiro" del Senato italiano il 13 Novembre 2019 si è svolto il seminario sul tema: "Mediterraneo Ponte di Pace: Cooperazione e Sviluppo Sostenibile nell’area del Mare Nostrum”. Hanno partecipato: politici, leader religiosi, ambasciatori, docenti universitari e leader della società civile. 

La conferenza è stata organizzata in due sessioni: l'IAPP sessione parlamentare al mattino mentre la IAPD, sessione interreligiosa nel pomeriggio.

Nella sessione mattutina, moderata da Giuseppe Calì, presidente onorario di UPF Italia, sul tema "Cooperazione tra i Paesi del Mediterraneo: Valori Universali, Interdipendenza e Prosperità Condivisa", sono intervenuti: il Sen. Roberto Rampi membro dei comitati per le Politiche Europee, i Diritti Umani e l'Immigrazione, l'Ambasciatore Enrico Granara, coordinatore per il rapporto Euro - Mediterraneo e Golfo, il Prof. Marino D'Amore professore universitario, il Dott. Marco Ricceri segretario generale EURISPES e il Dr. Nino Galloni, economista.

1

Nel pomeriggio la sessione interreligiosa, moderata da Carlo Zonato presidente UPF Italia, sul tema "La Cooperazione tra le Fedi al servizio della Pace nel bacino del Mediterraneo". Sono intervenuti in qualità di relatori: Raffaella Di Marzio, Direttore LIREC per la libertà religiosa, , Marco Fornerone ministro della Chiesa valdese, Don Valerio Cottini, Sacerdote Cattolico, Direttore della rivista "Dialogo cristiano-musulmano" e professore universitario , Ph.D Nader Akkad, Imam musulmano e professore universitario, Dott.ssa Franca Eckert Cohen, membro di spicco della comunità ebraica in Italia, Vice Presidente di "Religioni per la Pace" e coordinatrice di "Donne nel dialogo". Diversi commenti seguirono dal pubblico, alla fine di ogni sessione.

3

 

Degna di nota è stata la partecipazione del senatore Roberto Rampi che ha patrocinato il seminario e che ha tenuto un intervento in mattinata e le osservazioni conclusive in serata.

2

L’evento è stato trasmesso in diretta grazie ad una web TV ed una radio nazionale. Il principale intento era di indicare una via concreta verso una nuova fase delle relazioni tra Europa e Africa. Particolarmente importante è stato il messaggio che "l'Africa e l'Europa sono l'una per l'altra un'opportunità e non un problema, come abitualmente si pensa".

4

E’ necessario indicare la strada, con cui possiamo prosperare ad un livello molto più alto, applicando il principio corretto di vivere ben il bene altrui; questo può aprire un mondo completamente nuovo. Dovremmo creare un fronte unificato per promuovere la fratellanza, la prosperità condivisa e la vera giustizia. Il mondo soffre in larga misura, e soprattutto i leaders religiosi dovrebbero unirsi e agire insieme per cambiare lo status quo, riportando Dio nelle nostre società. L'IAPD Associazione Interreligiosa per la Pace e lo Sviluppo, può essere una grande opportunità per tutte le religioni di "vivere davvero per il bene e la prosperità comune.

 

Stampa