Quello che tu puoi fare è solo una goccia nell'oceano,
ma è ciò che dà significato alla tua vita
Albert Schweitzer      

Newsletter



Receive HTML?

Joomla Extensions powered by Joobi

We have 182 guests and no members online

Nazionali

Nazionale

International Day of Families 2012

Boario Terme 19-20 maggio 2012

“Il contributo della famiglia per costruire pace, dignità e prosperità”, questo il tema trattato ed approfondito  dalla Universal Peace Federation (UPF) in collaborazione con la Federazione delle Donne per la Pace nel Mondo (WFWP) il 19 e 20 maggio 2012 a Darfo Boario Terme. Il seminario, che ha visto il coinvolgimento e la partecipazione di Ambasciatori di Pace U.P.F. ed ospiti provenienti dal mondo della cultura, dell’educazione e dell’associazionismo ha voluto celebrare, come ogni anno, la Giornata Internazionale delle Famiglie proclamata dalle Nazioni Unite.

Con il saluto ed il  benvenuto ai presenti il vice presidente  UPF-Italia  Carlo Zonato ha ricordato  il profondo significato di questa celebrazione che vede nella famiglia non soltanto l’ambito fondamentale per la formazione e trasmissione dei valori etico-morali,  ma anche  il comune denominatore tra le diverse culture e nazionalità.
Nella mattinata sono stati presentati  due interventi: il primo da parte del Presidente della UPF-Italia Giuseppe Calì su “visione e principi di pace dell’UPF”;  la seconda relazione è stata presentata da Gabriella Mieli, presidente della Federazione delle Donne per la Pace nel Mondo (WFWP), che ha accompagnato i presenti a riscoprire “Il ruolo della donna nella famiglia del terzo millennio”.

 

1
2
3
4
5
6
7
8
9
1/9 
start stop bwd fwd
 


La sessione pomeridiana è iniziata con l’intervento di Carlo Zonato su “Famiglia, scuola d’amore e di pace”, cui ha fatto seguito una tavola rotonda arricchita dagli interventi di alcuni ospiti di rilievo: Madame Wade, segretario generale del consolato senegalese in Italia e ambasciatrice di pace UPF che ha portato l’esperienza della famiglia nella cultura africana; il Dr. Ahmady Sayed, medico iraniano da ormai trent’anni in Italia che ha espresso i tratti salienti della famiglia nella cultura islamica; Nicola Sisto, cofondatore della Associazione Culturale “La Tua Bergamo”  ha espresso la necessità che a livello istituzionale il tema della famiglia debba occupare  un focus speciale. Questi interventi hanno fatto da apripista ad un ampio e costruttivo dibattito e condivisione tra i presenti da cui è emerso il comune convincimento e visione della famiglia come  valore universale, interculturale ed interreligioso per eccellenza, da rinnovare e promuovere il più possibile insieme con azioni concrete.
Nella mattinata di domenica sono stati completati i lavori con la relazione di Giuseppe Calì che, con il suo intervento “Amore, sessualità e spiritualità” ha espresso in modo nuovo  e rivoluzionario come la famiglia del nuovo millennio debba poggiare su questo trinomio chiave per il suo successo e per costruire pace e felicità vere e durature anche per l’ambito sociale più esteso.
La serie di interventi si è conclusa con Angelo Chirulli, presidente della UPF- Padova che, affrontando il tema “Famiglia, giovani ed educazione al carattere”  ha evidenziato l’attenzione necessaria da porre per orientare alla  maturità del cuore e della personalità, in particolare nell’ambito dei giovani.
Le domande e gli approfondimenti richiesti dai partecipanti hanno fatto emergere quanto sia sentita l’urgenza di un forte impegno ed investimento  su questo fronte al fine di attivare  percorsi  e progetti che possano riportare LA FAMIGLIA al suo ruolo di perno centrale per un concreto e stabile rinnovamento sociale.