Quello che tu puoi fare è solo una goccia nell'oceano,
ma è ciò che dà significato alla tua vita
Albert Schweitzer      

Newsletter



Receive HTML?

Joomla Extensions powered by Joobi

Programmi Futuri

 

Nazionali

Giornata Internazionale della Donna - Monza

Monza – Urban Center, 7 Marzo 2011


In occasione della “Giornata Internazionale della Donna” lunedì 7 marzo si è tenuto un incontro presso una delle sale convegni dell'Urban Center a Monza, promosso dalla  UPF/Universal Peace Federation di Monza Brianza e dalla Federazione delle Donne per la Pace nel Mondo in collaborazione con il Comune di Monza/Assessorati Pari Opportunità e Comunicazione.

 

“Parità di accesso all'istruzione, alla formazione, alla scienza e tecnologia: la chiave per un lavoro dignitoso per le donne”: questo il tema proposto dalle Nazioni Unite per il 100° anniversario dell’International Women’s Day.  Ne abbiamo parlato con Maria Gabriella Mieli, presidente della Federazione delle Donne per la Pace nel Mondo; Carlotta Morgana, giornalista; Giulia Niccolai, monaca buddista e poetessa; Erminia Belli, volontaria del CADOM di Monza; Emanuela Facciolo, presidente di Casa Bimbo Tagesmutter; Mame Aminata Mbodji, della comunità senegalese; Franco Beretta, in rappresentanza della moglie Laura Tangorra, scrittrice, malata di SLA;  Olfa Bach Baouab, dell'Associazione Mosaico Interculturale.

I lavori sono stati introdotti da Giuliana Colombo e Martina Sassoli, entrambe Assessori alle Pari Opportunità, rispettivamente della Provincia Monza Brianza e del Comune di Monza, quindi si sono succeduti i vari interventi, mentre Carlo Chierico, presidente della sezione Monza Brianza della UPF ha svolto il ruolo di presentatore e coordinatore della serata, a cui hanno dato un contributo originale, con le loro incursioni artistiche, anche Ettore Fiorina, che ha letto con particolare maestria alcune poesie e Katia Morales, con la sua comicità irresistibile.


Simple Picture Slideshow:
Could not find folder /home/italia/domains/italia.upf.org/public_html/images/monza/donne

 

Gli interventi sono risultati molto validi ed interessanti e tutti apprezzati dal numeroso pubblico presente:  naturalmente, data anche la molteplicità delle voci, la serata non voleva essere di approfondimento sul tema proposto ma piuttosto si prefiggeva  di far emergere, pur nella difficoltà del poco spazio a disposizione di ognuno, uno spaccato di realtà femminile, associativa e non, impegnata sul territorio, e di offrire spunti di conoscenza utili al pubblico ma anche aperture, verso collaborazioni future e possibili azioni in rete, tra i diretti partecipanti, magari con il sostegno e l'adesione delle Istituzioni, pure presenti.

Nello spirito di condivisione della serata, è emerso il ruolo attivo e costruttivo delle donne, che possono a ragione proporsi come pilastro nella diffusione di una nuova cultura di pace, a partire dal riconoscimento pieno della loro potenzialità, attraverso i valori e la spiritualità di cui la donna stessa è portatrice, trascendendo le barrire razziali, nazionali e religiose. Crediamo sia importante non lasciare che questo incontro rimanga fine a se stesso, ma anzi possa essere il primo passo verso una maggiore conoscenza delle rispettive realtà, pensando anche ad eventi e azioni comuni, grazie al desiderio manifestato di offrire la propria esperienza, aprendosi sempre di più alla collaborazione con gli altri.

Al termine la UPF/universal Peace Federation ha voluto premiare alcune donne “Ambasciatrici di Pace”: come ha scritto in una nota l'Assessore Pierfranco Maffè ...”si tratta di un riconoscimento importante che andrebbe esteso non solo alle donne che sono salite sul palco ma a tutte quelle mamme che, giorno dopo giorno, infondono nei loro figli la cultura del rispetto per gli altri che può davvero cambiare il mondo”.

La nomina di Ambasciatrice di Pace vuole essere un riconoscimento dell'operato di alcune donne che si sono impegnate con altruismo nel loro specifico settore e possono essere portate ad esempio per l'intera comunità, ma vuole anche essere uno stimolo a proseguire nell'azione; in questa occasione l'attestato è stato concesso a Giulia Niccolai, Laura Tangorra, Maria Croci, Olfa Bach Baouab, Mame Aminata Mbodji.

Per informazioni: UPF/Universal Peace Federation, Monza - tel: 393.0077707 mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.