Newsletter



Receive HTML?

Joomla Extensions powered by Joobi

Programmi Futuri

 

Nazionali

Settimana Mondiale dell’Armonia Interreligiosa - Torino

Torino, 6 Febbraio 2011 

In occasione della “Settimana Mondiale dell’Armonia Interreligiosa” si è svolta domenica 6 febbraio 2011, alle 10.30, presso la sede locale della sezione UPF (Universal Peace Federation) di Torino, una significativa “Celebrazione Interreligiosa”. L’evento si inserisce all’interno delle azioni promosse dall’organizzazione delle Nazioni Unite che con risoluzione A/65/5 del 20-10-2010 ha proclamato la prima settimana di Febbraio di ogni anno “Settimana Mondiale dell’Armonia Interreligiosa” per scandire la necessità di promuovere il dialogo e l’unità tra le fedi mondiali verso la costruzione della pace.

La cerimonia ha avuto un semplice ma sentito svolgimento ed ha visto la partecipazione di rappresentanti  di varie fedi ben presenti a livello locale. Don Aldo Bertinetti (portavoce della Chiesa Cattolica presso il comitato interfedi nel comune di Torino), Rev. Banthe Upali (fondatore del Centro Buddista Piemonte), un rappresentante dell’Imam Abdullah Mechnoune (Comunità di fede Islamica), Dr. Sergio  Griffa (Chiesa dei Santi degli Ultimi Giorni), Dr. Giuseppe Cicogna (Chiesa di Scientology), il Pastore Giuseppe Russo (Unificazionismo).


Simple Picture Slideshow:
Could not find folder /home/italia/domains/italia.upf.org/public_html/images/torino

 

Dopo una prima introduzione di Carlo Zonato (vice presidente UPF Italia) sul significato ed il valore storico della risoluzione ONU come chiamata all’unità tra tutte le fedi, sono seguite le dichiarazioni accorate dei partecipanti ufficiali che hanno espresso, con sottolineature diverse, il generale e sentito apprezzamento dell’iniziativa. Ha fatto seguito una preghiera interreligiosa condotta da Ignazio Cabras (coordinatore per l’attività interreligiosa della UPF) accompagnata dalla  “cerimonia dell’acqua”; ognuno dei  rappresentanti ha offerto una preghiera-invocazione alla quale seguiva l’atto di versare da un rispettivo bicchiere d’acqua la stessa in un grosso calice centrale, nel quale tutte le fedi  venivano simbolicamente a riunirsi.
Infine in un clima di sincera e fraterna condivisione è stato offerto un rinfresco con il pubblico presente con il confermato impegno di organizzare nel prossimo futuro azioni comuni per il bene  e per la pace.